(troppo vecchio per rispondere)
Chi deve pagare? Lavanderia o assicurazione?
Fritz
2008-10-13 12:47:43 UTC
Mia moglie ha appena finito di litigare con la lavanderia che ci ha
perso un piumone invernale che avevamo portato a maggio e che
cerchiamo di ritirare da allora.
Siamo arrivati alla conclusione che il piumone non c'è più quindi la
lavanderia ha redatto un modulo (non firmato da noi) e ci ha chiesto
di portare qualcosa che attesti il valore del piumone. Mia moglie è
tornata oggi, ha consegnato la dichiarazione della ditta produttrice
ma la lavanderia non vuole pagare, sarà l'assicurazione a risarcirci e
sul modulo che verrà inviato all'assicurazione ci sono delle
fantomatiche nostre dichiarazioni sul fatto che il piumono fosse stato
macchiato durante il lavaggio (ma se non l'abbiamo neanche più
visto?) . A mia moglie non hanno voluto rilasciare nulla, nemmono
copia del moulo redatto, dicendo che tra un paio di mesi dovremmo
ricevere il rimborso.
Io sapevo che all'infuori dei danni da circolazione stradale a pagare
dovrebbe essere il danneggiante (che poi si rivale sulla sua
assicurazione) ma non ho dei riferimenti normativi in proposito. Vi
sembra corretto il comportamento della lavanderia e come consigliate
di muoversi?
Mia moglie vuole denunciarlo perchè ha detto che non capisce niente,
mi sembra eccessivo, però nel contempo vorremmo evitare di essere
fregati.

Grazie

Fritz
ardito2007
2008-10-13 13:59:04 UTC
Post by Fritz
Mia moglie ha appena finito di litigare con la lavanderia che ci ha
perso un piumone invernale che avevamo portato a maggio e che
cerchiamo di ritirare da allora [cut]
Il comportamento dei titolari della lavanderia da quello che scrivi,
non lo condivido.
Fai una analisi '' costi-benefici'' e nel caso parlane con un legale.
Ciao.


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Giampaolo Natali
2008-10-13 13:31:11 UTC
Post by Fritz
Mia moglie ha appena finito di litigare con la lavanderia che ci ha
perso un piumone invernale che avevamo portato a maggio e che
cerchiamo di ritirare da allora.
Siamo arrivati alla conclusione che il piumone non c'è più quindi la
lavanderia ha redatto un modulo (non firmato da noi) e ci ha chiesto
di portare qualcosa che attesti il valore del piumone. Mia moglie è
tornata oggi, ha consegnato la dichiarazione della ditta produttrice
ma la lavanderia non vuole pagare, sarà l'assicurazione a risarcirci e
sul modulo che verrà inviato all'assicurazione ci sono delle
fantomatiche nostre dichiarazioni sul fatto che il piumono fosse stato
macchiato durante il lavaggio (ma se non l'abbiamo neanche più
visto?) . A mia moglie non hanno voluto rilasciare nulla, nemmono
copia del moulo redatto, dicendo che tra un paio di mesi dovremmo
ricevere il rimborso.
Probabilmente la lavanderia ha una polizza RC che prevede, in caso di danni
conseguenti ad un errato lavaggio, di risarcire il proprietario del capo
danneggiato.
Altrettanto probabilmente la polizza esclude il danno di smarrimento dei
capi consegnati per il lavaggio oppure esclude lo smarrimento se è causato
dal subappaltatore cui è affidato il lavaggio di capi molto voluminosi come
piumoni, tappeti.
La motivazione delle fantomatiche macchie causate dal lavaggio errato
dovrebbe derivare da quanto sopra.
--
Giampaolo Natali

***@NOSPAMlibero.it
Fritz
2008-10-13 13:56:29 UTC
Post by Giampaolo Natali
Probabilmente la lavanderia ha una polizza RC che prevede, in caso di danni
conseguenti ad un errato lavaggio, di risarcire il proprietario del capo
danneggiato.
Altrettanto probabilmente la polizza esclude il danno di smarrimento dei
capi consegnati per il lavaggio oppure esclude lo smarrimento se è causato
dal subappaltatore cui è affidato il lavaggio di capi molto voluminosi come
piumoni, tappeti.
La motivazione delle fantomatiche macchie causate dal lavaggio errato
dovrebbe derivare da quanto sopra.
Ok, questo a noi non interessa particolarmente tranne per la lieve
differenza di avere un piumone anche se macchiato piouttosto che non
averlo proprio. Basta che poi l'assicurazione non consideri nella
valutazione del danno il fatto che noi comunque il piumone l'abbiamo.

Sulla quantificazione del danno sarebbe corretto richiedere anche il
costo del lavaggio (13.50 €)?

Ciao

Fritz
Giampaolo Natali
2008-10-13 14:12:28 UTC
Post by Fritz
Ok, questo a noi non interessa particolarmente tranne per la lieve
differenza di avere un piumone anche se macchiato piouttosto che non
averlo proprio. Basta che poi l'assicurazione non consideri nella
valutazione del danno il fatto che noi comunque il piumone l'abbiamo.
Sulla quantificazione del danno sarebbe corretto richiedere anche il
costo del lavaggio (13.50 €)?
Ciao
Fritz
Giuridicamente è corretto, ma non dimenticare che verrai risarcito di un
piumone usato e non nuovo di zecca.
--
Giampaolo Natali

***@NOSPAMlibero.it
Fritz
2008-10-13 20:37:30 UTC
Il Mon, 13 Oct 2008 16:12:28 +0200, "Giampaolo Natali"
Post by Giampaolo Natali
Giuridicamente è corretto, ma non dimenticare che verrai risarcito di un
piumone usato e non nuovo di zecca.
Questo mi era chiaro però allora come si calcola il giusto
risarcimento? il bene non c'è più quindi non si può periziare, noi
abbiamo prodotto una dichiarazione della ditta produttrice che dice
quanto costerebbe rifarne uno uguale nuovo quindi come si fa?

Ciao
--
Fritz

Togli *ERASE* per rispondere in e-mail.
Ciarlese
2008-10-13 23:39:24 UTC
Post by Giampaolo Natali
Probabilmente la lavanderia ha una polizza RC che prevede, in caso di danni
conseguenti ad un errato lavaggio, di risarcire il proprietario del capo
danneggiato.
Altrettanto probabilmente la polizza esclude il danno di smarrimento dei
capi consegnati per il lavaggio oppure esclude lo smarrimento se è causato
dal subappaltatore cui è affidato il lavaggio di capi molto voluminosi come
piumoni, tappeti.
La motivazione delle fantomatiche macchie causate dal lavaggio errato
dovrebbe derivare da quanto sopra.
Pero' in tal caso l' assicurazione pretenderebbe il piumone danneggiato,
che pero' non c'e': probabile che la lavanderia ne tiri fuori un altro,
magari peggiore, da presentare come piumone del cliente danneggiato, che
verrebbe FORSE risarcito in base allo stato di quest'ultimo.
Consiglierei di non avallare le strategie della tintoria di dichiarare
falsita', a maggior ragione perche' non vi e' motivo di fare il gioco
(in questo caso sporco!) di chi ha procurato il danno: se hanno perso
il piumone e sono coperti solo in caso di danneggiamento e' un problema
loro!

p.s.:"gioco sporco, essere coperti".... il tutto per un piumone da
lavare :-DD.
Fritz
2008-10-14 09:53:56 UTC
Post by Ciarlese
Pero' in tal caso l' assicurazione pretenderebbe il piumone danneggiato,
che pero' non c'e': probabile che la lavanderia ne tiri fuori un altro,
magari peggiore, da presentare come piumone del cliente danneggiato, che
verrebbe FORSE risarcito in base allo stato di quest'ultimo.
Sicuramente nel caso lo tirerebbe fuori peggiore visto che il nostre
benche con imbottitura sintetica il tessuto era raso-seta.
Post by Ciarlese
Consiglierei di non avallare le strategie della tintoria di dichiarare
falsita', a maggior ragione perche' non vi e' motivo di fare il gioco
Non è nostra intenziona avallare nulla, di fatto il modulo è stato
compilato solo da loro quindi quello che ci scrivono a noi non
interessa.
Post by Ciarlese
se hanno perso
il piumone e sono coperti solo in caso di danneggiamento e' un problema
loro!
Secondo il titolare quello che più probabilmente è successo è che lo
abbiano consegnato a qualcun'altro leggendo male il cartellino che,
vedendolo più bello di quello consegnato, se lo è tenuto.
Secondo lui non è possibile che si perda in altro modo ma, contando
che la lavanderia per tutta estata è stata stracolma di piumoni e che
il lavaggio non lo fanno loro direttamente, io non lo escluderei.
Post by Ciarlese
p.s.:"gioco sporco, essere coperti".... il tutto per un piumone da
lavare :-DD.
:-)

Aggiornamento dell'ultima ora, il titolare della lavanderia si è mosso
telefonando alla ditta che ci ha fatto il piumone e chiedendo quanto
lo avevamo pagato, stiamo a vedere cosa altro intende fare.

Ciao

Fritz
f3dus
2008-10-14 23:01:02 UTC
Post by Fritz
Io sapevo che all'infuori dei danni da circolazione stradale a pagare
dovrebbe essere il danneggiante (che poi si rivale sulla sua
assicurazione) ma non ho dei riferimenti normativi in proposito. Vi
sembra corretto il comportamento della lavanderia e come consigliate
di muoversi?
In campo RCA devi devi rivogerti alla compagnia per chiedere i danni ed
avere il risarcimento. In tutti gli altri e' il responsabile che deve
pagare.
Per comodita', come in questo di RCT, e' comunque la compagnia a
sbrigare la la pratica direttamente con la ctp, pagandola... ma bisogna
fare attenzione a non confondere le cose.
Il danneggiato deve fare solo e soltanto riferimento (leggi: stressare)
al responsabile: sta a quest'ultimo mettere in movimento la compagnia.
In ogni caso nulla ti impedisce di rivolgerti direttamente alla
compagnia, ma non si ottengono gli stessi risultati che si raggiungono
stressando direttamente il danneggiante (che ha tutto l'interesse di
levartisi dalle ...., mentre la compagnia, piu' di tanto....).

In bocca al lupo

F3dus
--
---
f3dus
2008-10-14 23:04:27 UTC
Il danneggiato deve fare solo e soltanto riferimento (leggi: stressare) al
responsabile: sta a quest'ultimo mettere in movimento la compagnia.
ADDENDUM
Colui che ha causato il danno non puo' liquidare il danneggiato dicendo
"se ne occupa la compagnia"... Ci puo' provare, ma se becca quello
giusto non se la cava cosi' a buon mercato. Il responsabile e' lui ed
e' lui che verrebbe direttamente chiamato in causa in caso di azione
civile (a differenza dell'RCA, dove si chiama in causa la compagnia, se
mpre che non ci siano lesioni di mezzo).

F3dus
--
---
ardito2007
2008-10-15 09:01:19 UTC
Il 15 Ott 2008, 01:04, f3dus <***@arubaPUNTO.it> ha scritto:

Non sono riuscio ad inviare gli indirizzi, comunque li scrivo adesso:

www.sicilyonbike.it
www.motociclisti.net

Scusate l'OT .

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Fritz
2008-10-15 11:05:56 UTC
Post by f3dus
Il danneggiato deve fare solo e soltanto riferimento (leggi: stressare) al
responsabile: sta a quest'ultimo mettere in movimento la compagnia.
ADDENDUM
Colui che ha causato il danno non puo' liquidare il danneggiato dicendo
"se ne occupa la compagnia"... Ci puo' provare, ma se becca quello
giusto non se la cava cosi' a buon mercato. Il responsabile e' lui ed
e' lui che verrebbe direttamente chiamato in causa in caso di azione
civile (a differenza dell'RCA, dove si chiama in causa la compagnia, se
mpre che non ci siano lesioni di mezzo).
Che è appunto quello che sapevo io.

Aggiornamento: Mia moglie è stata contattata dall'assicurazione della
lavanderia la quale ha offerto 140 euro, veloci devo dire, l'offerta
non sembra neanche male giusto un pò meno della metà del valore del
piumone da nuovo.

Ciao

Fritz
f3dus
2008-10-15 22:34:49 UTC
Post by Fritz
Aggiornamento: Mia moglie è stata contattata dall'assicurazione della
lavanderia la quale ha offerto 140 euro, veloci devo dire, l'offerta
non sembra neanche male giusto un pò meno della metà del valore del
piumone da nuovo.
Cragnosetti... Ma se vi va bene, son contento per voi :)

F3dus
--
---
Fritz
2008-10-17 17:07:04 UTC
Post by f3dus
Cragnosetti... Ma se vi va bene, son contento per voi :)
Alla fine non è male contando che il piumone ci era stato regalato e,
nonostante fosse ancora in perfette condizioni, aveva comunque 6 anni.
L'alternativa era far uscire il perito (a periziare cosa non sò) con
il rischio anche di avere meno alla fine.
A mia moglie dispiace perchè il piumone le piaceva e riaverlo uguale
non è più possibile, quella stoffa non la fanno più.
Il lavandaro alla fine deve essere abbastanza un casinista perchè dopo
la chiamata dell'assicurazione (che sapeva benissimo che il piumone
era stato perso) ci è arrivato per posta dall'assicurazione un assegno
di 50 euro, chiamata la lavanderia ha detto che in agosto, quando
avevamo iniziato a compilare il modulo, lui aveva mandato avanti la
pratica anche senza sapere il valore perchè poi l'assi chiudeva. Per
ora l'assegno lo teniamo senza incassarlo e la prossima settimana mia
moglie dovrebbe passare in lavanderia a ritirare il resto
dell'indennizzo.

Ciao
--
Fritz

Togli *ERASE* per rispondere in e-mail.